Skip links

Comparazione tra Caldaie: come farla?

Comparazione fra caldaie: quale scegliere?

La caldaia è un elemento fondamentale delle nostre abitazioni: produce infatti l’acqua calda che viene utilizzata sia per l’uso domestico che per il sistema di riscaldamento. Ma quando si entra in una nuova abitazione o si deve cambiare la caldaia ormai fuori uso bisogna prendere in considerazione alcuni parametri di comparazione tra caldaie, in modo da scegliere quella giusta alle nostre esigenze e soprattutto alla nostra abitazione.
La comparazione fra caldaie prevede come prima cosa una scelta fra due grandi categorie di caldaie che sono quelle da esterno o quelle da interno casa.

Caldaie da interno  o da esterno quale usare?

Caldaie da esterno sono quelle a camera aperta chiamata anche a tiraggio naturale, in cui la combustione non è isolata e resa sicura al punto da prevedere anche un’installazione dentro casa. Inoltre, è un tipo di caldaia che ha bisogno di una canna fumaria utile a trasportare i fumi all’esterno, ad esempio sul tetto o sul balcone.
La scelta di un caldaia a camera aperta da esterno implica, però, che si abbia spazio su un balcone o un terrazzo domestico.

Le caldaie a camera stagna sono caratterizzate da maggior sicurezza per un’installazione dentro il proprio appartamento. Sono, infatti, dotate di un sistema di tiraggio forzato dell’aria dall’esterno (utile ad alimentare la combustione) e di fuoriuscita dei gas dall’interno.

Segnaliamo come tutte le maggiori case produttrici di Caldaie oggi offrano, in catalogo, numerosi modelli sia a camera stagna che a camera aperta: le potenze sono diverse, per cui la scelta di prodotti tra cui scegliere (anche in base al prezzo) è ampia. Delle medesime tipologie, infatti, esistono caldaie murali, da installare a parete, ma anche caldaie a basamento che possono essere poggiate a pavimento.  Nessuno meglio del vostro tecnico di fiducia, comunque, può indicarvi quale caldaie scegliere.

Caldaie a condensazione

La Tecnologia a Condensazione
Oggi, una comparazione di differenti modelli di caldaie non può prescindere dalla valutazione della caldaia a condensazione.
Sebbene, a causa della novità che ancora costituisce, la condensazione innalza un po’ il costo della caldaie che la applicano, essa apporta benefici molto interessanti dal punto di vista dei consumi di gas e del risparmio economico sulla bolletta.
Le caldaie a condensazione, infatti, permettono un grande risparmio energetico a confronto delle altre poiché il calore dei gas di scarico viene riutilizzato per produrre nuovamente calore e quindi l’energia viene recuperata in grande quantità.

Le caratteristiche della casa

La scelta di una caldaia, e quindi la comparazione dei modelli, deve anche tener conto delle dimensioni dell’abitazione: una casa grande come una villa, ad esempio, può ospitarne tranquillamente una a basamento, dotata anche di un boiler che offra una quantità di acqua sempre calda adeguata.
La caldaia a basamento in circolazione oggigiorno è più piccola in dimensioni rispetto a quella del passato, e tra i nuovi modelli ve ne sono diversi che permettono un maggiore risparmio energetico ed economico.

Una piccola abitazione, invece, può utilizzarne una di tipo murale, cioè una caldaia comune da scegliersi sempre fra camera aperta, stagna o condensazione.
Infine, va ricordato che se si ha necessità di grandi quantità di acqua calda, esistono le tipologie ad accumulo, specifiche per la produzione di quantità di acqua calda che coprano l’uso di più bagni contemporaneamente.

Riqualificazione Energetica?

Un ultimo aspetto che vogliamo suggerire di non sottovalutare, soprattutto in questi tempi di crisi e “rincorsa” agli incentivi, è la riqualificazione energetica di casa propria. Vi sono, infatti, incentivi a favore di chi sostituisce una caldaia con un modello utile a “risparmiare” sul gas: si tratta infatti, di una politica nazionale volta a rispettare le disposizioni Europee che vogliono indurci a consumare meno energia rendendo le nostre case più risparmiose.
In sede di comparazione di caldaie, quindi, può essere molto importante valutare le detrazioni previste dal Governo anche quest’anno.

Lascia un commento