Skip links

Gardenia: coltivazione, malattie e sintomi

La Gardenia è una pianta molto apprezzata per i suoi fiori bianchi e profumati e per il fogliame verde e lucente

Questo tipo di pianta ha bisogno di molta luce, ma non del sole diretto. La temperatura ideale infatti è 18-20°C in estate e 10-15°C in inverno.

Necessita di abbondanti annaffiature in estate (3 volte la settimana) e moderate annaffiature in inverno (1 volta la settimana). Il terriccio ideale è un misto di humus e torba sempre ben drenato. Si concima dalla primavera all’autunno con un fertilizzante liquido mischiato all’annaffiatura ogni 10gg.

Fiorisce da maggio a settembre con fiori semplici o doppi bianchi e profumatissimi.

Come si coltiva la Gardenia?

Per favorire la fioritura di questa pianta bisogna spruzzare frequentemente acqua tiepida sulle foglie (mai sui fiori) e mantenere una temperatura costante di 18°C.

Durante la stagione estiva bisogna collocare la Gardenia in una posizione molto luminosa (ma non direttamente sotto il sole) e mantenere il terriccio sempre umido ma ben drenato. Con l’arrivo della stagione invernale bisogna poi riportare la pianta all’interno e tenerla ad una temperatura non al di sotto dei 10°C.

Malattie e sintomi.

  • Gemme che non si schiudono e cadono: variazioni di temperatura repentine, eccesso d’acqua.
  • Foglie giovani ingiallite con nervature verdi: acqua ricca di calcare. Annaffiare una volta con sequestrene.
  • Foglie ingiallite con residui filamentosi: ragnetto rosso. Intervenire con acaricidi specifici.
  • Foglie con macchie scure nella pagina inferiore: cocciniglie scure. Eliminare con del cotone intriso di alcol.

Lascia un commento