La frantumazione è una pratica molto utile a chi è amante del giardinaggio e del "fai da te" in genere.


Il primo scopo dell'utilizzo di questa pratica è infatti quello di ridurre il volume degli scarti di erba secca, foglie morte e rami secchi che stagionalmente e periodicamente invadono i nostri giardini.

Con un buon biotrituratore si possono infatti ridurre gli scarti vegetali fino al 40% del loro volume originario.

 

 

 

Come scegliere il biotrituratore

Il biotrituratore si sceglie in funzione delle dimensioni del giardino e della quantità di rami o scarti secchi da frantumare.

Il biotrituratore con motore elettrico conviene per un giardino piccolo, con possibilità di avere un'alimentazione elettrica nelle vicinanze.

Il biotrituratore con motore a scoppio si utilizza invece per giardini di dimensioni più grandi, anche perchè essendo dotato di ruote permette libertà negli spostamenti.


Come utilizzare gli scarti triturati

Gli scarti che si ottengono dalla frantumazione possono essere:

  • aggiunti al compostaggio per migliorarne la qualità
  • disseminati sotto i cespugli o sulle aiuole
  • utilizzati per proteggere il terreno dal gelo e ridurre l'evaporazione dell'acqua
  • utilizzati per apportare al suolo elementi nutritivi che rilasciano durante la loro decomposizione
Letto 1496 volte Ultima modifica il Venerdì, 14 Dicembre 2012 19:27
Patrizia

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ultimi da Patrizia

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Spero che vi è piaciuto l'articolo :-)

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.