L'olfatto e l'apparato uditivo servono ai nostri amici per adattarsi al mondo esterno

 

Con l'olfatto riconoscono il loro territorio e la presenza di nuovi elementi all'interno di esso.

Con le orecchie captano eventuali pericoli che li circondano.

 

Il gatto ha un olfatto meno affinato del cane, ma molto più efficace del nostro.

Da piccoli i nostri amici felini lo usano per riconoscere l'odore della mamma e da adulti quello del loro amico umano, di eventuali altri gatti che gli stanno attorno, i profumi delle piante o di prodotti che possono essergli nocivi.

Sviluppano una particolare sensibilità verso gli odori del cibo: sono infatti molto schizzinosi, visto che tendono a snobbare immediatamente cibi mal conservati o aperti da troppe ore.

La presenza di nuovi odori può essere causa di forti destabilizzazioni che lo spingono a marcare il territorio urinando.

 

Le orecchie sono mobili ed indipendenti una dall'altra.

Se impariamo ad osservarle con attenzione forniscono importanti informazioni sull'umore dei nostri amici.

Dritte in avanti: "va tutto bene".

Dritte in direzioni opposte: "ho sentito uno strano rumore".

Appiattite di lato: "fai attenzione, sono pronto a difendermi".

Placcate sulla testa: "qui finisce male".

Letto 1393 volte Ultima modifica il Giovedì, 08 Novembre 2012 22:14
Patrizia

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ultimi da Patrizia

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Spero che vi è piaciuto l'articolo :-)

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.